Come arredare una casa al mare

Avere la casa al mare non significa affidarsi soltanto ad un rifugio in cui recarsi nei momenti di relax. Anzi vuol dire avere un secondo nido da arredare di vero gusto. Per le case di vacanza esistono design appositi, pensati per far combaciare la voglia di mare con l’effetto armonioso del nostro ambiente.

Attenzione agli spazi comuni

La casa al mare richiama subito l’idea di lunghe giornate trascorse in spiaggia e di sere indimenticabili a cena con amici e parenti. Ragion per cui lo spazio comune diventa il pinto dell’abitazione a cui dare maggiore attenzione, proprio perché il salotto è il punto ideale per rilassarsi in compagnia.

Ecco quindi che questo spazio deve essere ampio e luminoso. Avere poltroncine w divanetti, il tutto contornato da colori neutri. I materiali devono essere naturali, per la resistenza all’acqua e alla sabbia, che ovviamente saranno onnipresenti. Il tocco clou verrà dato da cuscini colorati a tema spiaggia, magari anche sulle sedie della cucina.

Le pareti bicolore

Quando si pensa alla casa per le vacanza subito l’idea si ferma sulle pareti bicolore. Magari un contrasto con i toni del mare. In alternativa si può scegliere una carta da parati che abbia fantasie tipiche del paesaggio marino, così da ravvivare l’aspetto di tutta la casa.

Potrebbe essere un’idea anche quella di dipingere le mura a strisce bianche e blu, in stile marinaio, o ancora incollando adesivi per avere un fondale sulle nostre pareti. Avremo così darò un tocco brioso e spumeggiante al nostro ambiente.

Alla scoperta dei materiali naturali come vimini e paglia

Se c’è un must nelle case al mare questo sicuramente ha a che fare con il materiale naturale impiegato per tutti i complementi d’arredo presenti nelle stanze.

Ragion per cui dovremo prediligere mobili, sedie e ceste in paglia, bambù o anche vimini. Anche perché trattasi di !materiali che non si macchiano facilmente, sono resistenti all’umidità estiva e per questo possiamo sederci sopra una sedia in paglia senza rischiare di impregnarla con il costume bagnato.

L’importanza del colore blu

Il colore che richiama il mare? Sicuramente il blu, insieme al bianco. Vero è che trattandosi di casa estiva vanno bene tutti i colori caldi, ma è vero anche che chi predilige il blu o il bianco non sbaglia. Anzi, anche i dettagli in legno possono essere tinti con le nuance dell’azzurro o dell’acquamarina così da avere sempre la sensazione di essere davanti la battigia ad osservare il mare.

Restaurare i mobili vecchi

Non occorre portare nella casa al mare u arredamento nuovo di zecca. È pur sempre un rifugio che ci porta lontani dallo stress quotidiano, per cui non dobbiamo fare bella figura con nessuno. Ecco dunque che lo stile d’arredo può essere meno mondano e molto più pratico.

Se abbiamo qualche vecchio mobile in soffitta anche leggermente scorticato, andrà bene per la casa al mare. Basta restaurarlo, magari decorarlo o dipingerlo, e il nostro spazio vacanziero avrà anche un aspetto simile allo stile vintage. Insomma, sarà un rifugio di altri tempi.

Un simile discorso può essere applicato tanto per i mobili della cucina tanto per la camera da letto. In fondo mica occorre per forza una cabina armadio super chic? Bastano pochi semplici complementi, per un arredo altrettanto in.

Il tavolo a tema mare

Il mare deve essere il tema clou di casa nostra. Per questo va applicato anche al tavolo della cucina. Per far ciò basta scegliere servizi di piatti e bicchieri a tema estivo, o che hanno decori esplicitamente simili al paesaggio marino. Volendo possiamo scegliere tovaglie con decorazioni nautiche e costiere, così da creare anche un’atmosfera calda e famigliare.

Se poi amiamo la cura dei dettagli potremmo passare qualche oretta in spiaggia a raccogliere conchiglie per usarle poi come segna posti o come ferma tovaglioli.