Come arredare la propria cameretta

Qual è il posto della vostra casa dove trascorrete più tempo in assoluto? Il letto, nelle vostre camerette! . Dove si tengono i propri segreti, i propri oggetti personali. Dove, insomma, c’è praticamente tutto di noi. Proprio per questo, è fondamentale sapere come arredarla per renderla sempre più simile a noi. Al nostro modo di essere e di agire.

Ecco, quindi, tre consigli utili.

Fare attenzione all’illuminazione

Lampadari e luci da comodino non servono solo a illuminare. Anzi…

Capita che il lampadario e le luci da comodino vengano acquistate quasi come se fosse un ‘obbligo’. Banalmente, per non vivere come vivevano i nostri avi qualche secolo fa (quando non c’era l’illuminazione elettrica), si provvede ad acquistare tutti gli oggetti che servono per illuminare la propria cameretta anche di sera e di notte.

In realtà, però, in particolare negli ultimi tempi, lampadari e luci da comodino sono diventati più di un semplice arredo, riuscendo a stupire gli ospiti presenti. Per ben 3 motivi.

Il primo è che, banalmente, acquistare un lampadario con una fantasia particolare – che, ovviamente, rispecchi un po’ noi stessi – fa sì che l’ospite capisce subito lo stile della tua cameretta e la rende unica.

Il secondo è creare l’effetto luce/senza luce. Una luce chiara può far avere una visione diversa rispetto a una luce più intensa, quasi come se stessi in due ambienti diversi. Come fosse un effetto ‘double face’.

Il terzo è la possibilità di evidenziare parti della stanza. Se una persona, ad esempio, entra quando è semibuio potrebbe non far caso a delle cose (magari è un effetto proprio voluto da te) ma, accendendo la luce, nota proprio per soprammobile che, a causa dell’effetto sorpresa, potrebbe perfino sopravvalutare.

Basta con le pareti classiche

La cameretta è il luogo dove vivi. Personalizzala!

Va benissimo che in soggiorno, negli spazi comuni, in cucina le pareti possano avere una tonalità standard. Colori ben predefiniti, senza alcuna fantasia, per non violare la suscettibilità di qualcuno.

Ma, nella tua cameretta, puoi praticamente fare quello che vuoi. A partire proprio dalle pareti. Se sei un musicista, nulla vieta di utilizzare carte da pareti rimovibili in cui c’è il tuo strumento preferito oppure una foto di un’esibizione a cui tenevi tanto.

O, magari, fare un collage di foto per ricordare momenti indimenticabili. Oppure se hai un telefilm o una serie tv preferita a cui vuoi dedicare ‘parte di te stesso’, come un piccolo angolo della cameretta.

Insomma, le soluzioni sono davvero tante ma la cameretta deve rappresentare te stesso. Nel bene e nel male. E, per questo, non devi porti alcun limite.

Attenzione ai mobili

In base al tuo lavoro, scegli i mobili d’arredo adatti

Particolare attenzione devi dare ai mobili. Oltre a essere belli, infatti, devono essere funzionali. E ora ti spieghiamo anche perché.

I mobili, infatti, devono darti tutte le comodità che ti servono per ottimizzare i tempi di lavoro. Se ti piace il colore blue, e la tua cameretta è dello stesso colore, e sei anche un lavoratore che maneggia documenti puoi optare per un mobile di colore blue con delle piccole mensole per ordinare al meglio tutto ciò che ti serve.

In questo modo, unisci l’utile al dilettevole. Poi, ovviamente, se i mobili li usi solo per inserire i vestiti allora puoi optare per il modello classico o, quantomeno, per quello che semplicemente ti piace di più. Ma, spesso, unire il bello al funzionale può dare quel qualcosa in più che cercavi da tempo e ti offre un valore aggiunto. Soprattutto se, come in questo caso, stiamo parlando della tua cameretta, il luogo ‘tuo’ per eccellenza della casa.