Stanza da letto retrò o moderna: consigli per la scelta

Introduzione: camera da letto retrò o moderna?

La camera da letto, sia che si tratti di una matrimoniale che di una singola, è la stanza della casa su cui ci si può sbizzarrire di più nell'arredamento. Trattandosi di un ambiente fortemente intimo e finalizzato al comfort e al riposo può essere arricchito da numerosi oggetti personalissimi e che richiamano alla serenità d'animo. La camera è una stanza che sa esprimere profondamente la personalità di chi la occupa e che allo stesso tempo garantisce una buona qualità del sonno, ma come si arreda? L'arredamento della stanza da letto, come più in generale quello della casa, deve seguire un filo logico e spesso ci si trova di fronte a una doppia scelta: meglio orientarsi su uno stile retrò o allestire una camera in chiave più moderna?

Stile retrò,un incontro tra passato e presente

Chi predilige la prima opzione decide di passare il suo tempo in una stanza dal gusto vintage e che ha un fascino che rievoca luoghi e momenti del passato. Lo stile retrò è caratterizzato da una vasta selezione di oggetti d'epoca abbinati in maniera inusuale e disarmonica. In questo modo ci si discosta totalmente da tutto ciò che indirizza la camera ad uno stile minimalista. Questa scelta nell'arredo crea invece un ambiente caldo, ospitale e arricchito da mobili possibilmente originali recanti tracce d'uso. Gli abbinamenti, che devono sembrare casuali se non addirittura grotteschi, seguono in realtà delle regole per esempio nella selezione dei colori. Quando si parla di vintage non ci si indirizza ad un'epoca ben precisa ed è bene tenere a mente a quale ispirarsi quando si selezionano i colori della propria stanza. Se per esempio si vuole arredare una camera in stile anni '70 si devono alternare colori vivaci e particolarmente audaci come il giallo e l'arancione. Un elemento che invece non manca mai in queste camere sono le figure floreali. Queste possono trovarsi sulla carta da parati, stampate sui mobili, sui cuscini del letto o plasmate nelle maniglie e sono amate proprio per la loro versatilità nell'accostamento di colori. Altri elementi che non possono mancare sono un letto in metallo, uno o più specchi, tappeti, quadri e orologi da parete. Seguendo tutte queste piccole indicazioni, armati di pazienza nella scelta di tutti i singoli oggettini, la camera assumerà immediatamente un sapore di tempi passati.

Stile retrò e sinteticità d'espressione

Per gli amanti della modernità i passi da fare sono verso tutt'altra direzione. Arredare una stanza dandole un taglio moderno può sembrare semplice vista la mancanza di tutti gli elementi che caratterizzano quella retrò ma in realtà non è così. E' importante che la scelta di tutte le componenti della camera sia ben equilibrata e non stoni con l'idea minimalista su cui l'arredamento si fonda. Si possono sfruttare colori chiari come avorio, grigio e tortora spezzati poi in alcuni punti dalle tonalità più accese del giallo o del rosso. L'alternativa sono colori scuri come il grigio, accompagnati da un mobilio che alterna materiali come il metallo e il legno. Gli amanti del minimal devono inoltre seguire una serie di suggerimenti, oltre a quello di ridurre al minimo la quantità degli arredi, che possono rendere la propria camera un ambiente originale e moderno. Il letto, vero cuore della stanza, deve essere basso e può rappresentare più figure geometriche. Per chi vuole azzardare si consiglia la scelta di un letto tondo. E' importante che le pareti non siano cariche di quadri, foto o altri elementi decorativi: in questo modo offrono alla vista, specialmente di notte, la piacevolezza di incontrarsi con spazi ampi e neutri. Come ultima cosa è fondamentale prestare attenzione alla scelta dell'illuminazione artificiale. I punti da cui si genera luce devono essere presenti su elementi decorativi che siano essenziali e che non vadano a "caricare" la stanza di ulteriore materiale. Vanno escluse le abat jour sui comodini e si approva fortemente la scelta di lampadari in metallo dalle forme essenziali.